Di Strada in Strada 2016

 

Santa Sofia … di Strada ..in Strada 2016

(buskers ed altre storie dal 1992)

XXV R.I.A.S. Raduno Internazionale dell’Artista di Strada

“Sogni d’Argento”

 

Quest’anno festeggeremo gli artisti di strada o buskers o “buscatori”, le arti performative, ed insieme a loro, il nostro affezionato pubblico e noi stessi. Per noi stessi si intende fondatori della manifestazione e volontari Pro Loco, l’Amministrazione Comunale, i commercianti i pubblici esercenti e tutti coloro che in qualche modo in questi 25 anni ci hanno sostenuto ed aiutato.

25 anni con Santa Sofia le Arti di Strada e il Fiume Poeta che narra di artisti luci e colori.

Un tempo ci  chiamavamo semplicemente:

Raduno Internazionale dell’Artista “da” Strada.

Erano gli esordi, ed un errore ci portò fortuna. Ai tipografi sfuggi nella correzione del catalogo della I edizione da strada” anziché di strada”, da strada sarebbe nei fatti, un dispregiativo, come a dire “artista da strapazzo”, ma portò bene. Quindi nella stampa dei successivi cataloghi virgolettata la preposizione “da”, fece bella mostra di se, come vezzo scaramantico sino al 1999.

Decidemmo poi, di cambiare nome all’alba  del nuovo secolo. Un termine più immediato più internazionale…

e questo sino al 2004 compreso.

“Santa Sofia Buskers’ Festival”.

Nel 2005, la svolta finale, decidemmo per un più personale ed ispirato:

“ Santa Sofia … di Strada … in Strada

  (buskers ed altre storie dal 1992)

Compagnie Circensi & Teatrali  di tradizione, Circo Contemporaneo, Gruppi Musicali favolosi, saranno presenti  in questa XXV straordinaria  e celebrativa edizione

Un coloratissimo e spettacolare contenitore di arti a tutto tondo, dove il cuore pulsante l’animo più intimo e profondo sono stati e saranno sempre i buskers, e delle loro gesta continuerà a parlare il fiume poeta.

Altre arti performative, hanno preso nel frattempo vita al suo interno.

Lungo il corso del bidente e non solo per piazze strade e vicoli …

installazioni, arti visive artigianato artistico, mostre fotografiche, buskerelle ed altro ancora.

Abbiamo precorso i tempi per certi versi ma non siamo stati i soli, altri importanti festival lo hanno fatto, se è vero come è vero che la neonata associazione nazionale, degli organizzatori di festival e eventi di strada e non di cui ci onoriamo di far parte, come soci fondatori, ha deciso di chiamarsi:

A.N.A.P. (AGIS)

ASSOCIAZIONE NAZIONALI ARTI PERFORMATIVE.

www.artiperformative.it

Si includono quindi la totalità delle arti. Non solo arte di strada, di pista, di figura ma anche teatro e…

2009 ART IT (14)

Difficile definire oggi un artista di strada. Ci sono si buskers ma non solo. I tempi sono cambiati, gli artisti si sono evoluti, si sono professionalizzati, hanno studiato nelle migliori accademie od università o scuole di circo italiane  europee, mondiali. Molti hanno fatto dell’interdisciplinarità artistica un nuovo e più completo e complesso modo di esprimersi. Si esibiscono  tanto in teatro, quanto  sotto uno chapiteau, quanto in strada. Sono quindi cresciuti e molto da un punto di vista  tecnico-artistico, ma mantengono, quel non so che di affascinante, un po’ bohemienne, un po’ trasognato, che li rende speciali come un tempo, sono tuttavia, estremamente al passo con i tempi.

Di strada in Strada” viene considerato a buon diritto uno dei Festival più importanti del settore, sia per longevità, sia per qualità artistica che, di anno in anno è cresciuta sino ad attestarsi su livelli di eccellenza assoluta, basti pensare all’edizione del 2015. Il terzo festival di arti di strada più antico d’Italia.

Nasce dall’idea di un nostro carissimo e mai abbastanza compianto, amico, Donato Diversi, per tutti Renè, che vivendo in certi periodi, presso la bella città estense, nel lontano inverno del 1991 durante un’allegra cena fra amici alla leggendaria Salsiccina” , chiamiamola la taverna di un vecchi capannone artigianale, sull’antica strada per la frazione di San Giacomo, durante una delle solite pantagrueliche merende-cene,  in cui scaturiva sempre quando il  buon vino aveva fatto il suo corso, qualche idea geniale… lui, se ne usci con un: “ Dai, facciamo i buskers come a Ferrara ? ”

Qualcuno rispose: “Buskers ? Cosa sono i Buskers ?” Era il freddo inverno del 1991… pochi mesi dopo , Il 13  e 14 agosto, 1992,  già nasceva il

Primo Raduno Internazionale dell’Artista “da” Strada” “ IL R.I.A.S.”

Ci sono altri storici festival, ci cui ci onoriamo di essere nel novero e che troppo lungo sarebbe elencare, dove le arti ed il teatro ed il circo contemporaneo  trovano le loro massime espressioni in Italia ed Europa in strada, e non solo, perché molti di questi grandi festival, inseriscono all’interno del loro circuito artistico anche i rispettivi teatri e\o grandi chapiteau. Coincidenza ? Segno del destino ? Finalmente in questa XXV edizione anche “di Strada …in Strada” avrà , l’enorme fortuna di potere ospitare performance ad hoc all’interno del nuovissimo, Teatro Mentore”per la primissima volta. Sarà solo una, delle grandi sorprese di questi straordinari “SOGNI D’ARGENTO”, d’altronde siamo rimasti ben 27 anni senza teatro, quindi non era cattiva volontà, soltanto impossibilità e ringraziamo l’Amministrazione Comunale che ha  reso possibile la realizzazione di un sogno del genere, proprio in questa particolarissima edizione.

Riguardo alla programmazione musicale, il festival storicamente ha dato enorme rilievo a gruppi musicali e band.  Privilegiamo circo e teatro  e da quando esiste moltissimo il circo contemporaneo, ma anche la musica occupa un ruolo di primo piano tanto in strada che sul palco. Abbiamo due zone predisposte per l’amplificazione delle band della quali la prima al Buskers’ Park è una vera e propria situazione “ On Stage” con mega palco, grande amplificazione, luci fonico e service. La seconda, anche se “meno attrezzata” in Piazza Gentili all’interno dell’ Eno Borgo Buskers.LICE DELUXE un Mito AL PARCO ALTO (2)

Per il “Nuovo Circo”, abbiamo creato nel cuore della manifestazione, nella parte alta del Buskers’ Park ( un tempo Parco Giorgi poi della Resistenza) il salotto “buono” del festival. Un suggestivo grande ma intimo ed appartato teatro a cielo aperto dove i favolosi e poliedrici artisti di questa affascinante disciplina danno vita  ad imperdibili e spettacolari performance. C’è un pubblico del tutto particolare in quei giorni, che arriva in paese fa un giretto veloce in paese poi sale al Parco Alto si siede e trascorre qui quasi tutta la serata. E’ un pubblico diverso. Non che fuori dal parco ci siano gruppi di inferiore livelli artistico, ce ne sono di altrettanto bravi, ma è una platea diversa, che ama l’innovazione e dopo un quarto di secolo è persino logico che una parte anche piuttosto numerosa del pubblico  sia costituita da aficionados  che già sanno  dove indirizzarsi, e posizionarsi a seconda dei propri gusti artistici.

Il Nuovo Circo, si basa sulle discipline classiche dell’arte circense: acrobazia, clown, giocoleria, arti aeree, trasformando il numero tecnico di pochi minuti, in creazioni totali, su basi drammaturgiche e tematiche, tanto astratte quanto narrative. Appoggia tra le proprie  basi, il lavoro teatrale sul personaggio e un uso interpretativo e non dimostrativo delle tecniche circensi.  Lega poi il circo a forme d’arte contemporanee quali: danza, teatro, musica, poesia, arti plastiche ed a più diretti stimoli estetici e sociali del proprio tempoDifficile a spiegarsi ?  In ogni caso Meraviglioso a  vedersi!!!

In questa XXV edizione il Circo Contemporaneo, grazie anche ad un sforzo economico non indifferente, vista l’importanza dell’edizione, sarà rappresentato non solo nel parco alto ma anche nel meraviglioso Parco Fluviale che ben si presta alla “bisogna” ed nella storica postazione sita in Via  Risorgimento ex Pesa Pubblica, dall’altra parte del fiume a Levante a cui acceder comodamente e velocemente attraverso la leggendariaPASSARELLA SUL BIDENTE”

 

BUON FESTIVAL A TUTTI 

Flavio Quadrini